Medicina estetica

Carbossiterapia

Un trattamento che consiste nella somministrazione sottocutanea di un gas (anidride carbonica), a scopo terapeutico. La somministrazione è effettuata attraverso un’apparecchiatura che permette di erogare i gas in modo controllato, tramite micropunture superficiali. L’anidride carbonica ha un effetto brucia grassi ed è un vaso dilatatore, con conseguente miglioramento dell’irrogazione sanguigna dei tessuti e l’eliminazione del ristagno di liquidi.

Ci aiuta a curare le seguenti patologie:
– CELLULITE: grazie all’alterazione del microcircolo i tessuti sono maggiormente ossigenati e le irregolarità cutanee si risolvono
– ADIPOSITA’ LOCALIZZATE: su addome, su fianchi, ginocchia e coscia
– MICROCIRCOLO: il gas è in grado di ricanalizzare i capillari compressi delle cellule grasse e della ritenzione dei liquidi; inoltre interrompe il processo di formazione delle teleangectasie per effetto indiretto
– RILASSAMENTI CUTANEI: migliora l’idratazione della cute e il tono cutaneo dando un aspetto più giovane alla pelle
– CICRATRICI: meno evidenti grazie al trattamento

E’ importante ricordare che la CO2 non è tossica essendo riprodotta normalmente dalle cellule del nostro organismo. Gli unici effetti collaterali che la terapia può dare ( lieve dolore locale, ecchimosi, leggero crepitio sotto cutaneo ) sono minimi e si risolvono in breve tempo.
A volte la sua applicazione è complementare ad altre tecniche come la radiofrequenza, massaggi linfodrenanti, ultrasuoni focalizzati…
Una seduta dura circa 20 min. Il numero delle sedute e la scelta della sede di applicazione variano in base alla patologia da trattare ( da 6 a 10 sedute per il primo ciclo), se ne consigliano solitamente 1 a settimana.